Stabilità, Padoan Il debito inverte rotta, cala dopo 8 anni

MILANO – Il debito italiano cala per la prima volta dopo otto anni e i mercati premiano il processo di riforma impostato dal governo, anche e soprattutto per il taglio della pressione fiscale. Dopo i rilievi dei tecnici del Senato e le osservazioni critiche delle maggiori istituzioni economiche italiane (da Bankitalia alla Corte dei Conti, passando per l’Upb), tocca al ministro dell’Economia,Pier Carlo Padoan, difendere le scelte dell’esecutivo nell’ambito della legge di Stabilità per il 2016. Una manovra che arriva in un contesto di ripartenza: “La fase di ripresa dell’economia italiana si sta progressivamente rafforzando, nonostante lo scenario internazionale sia diventato negli ultimi mesi più complesso”. E ancora: “La strategia finora adottata ha prodotto risultati tangibili”, dai consumi al Pil fino all’occupazione che si è “sensibilmente accresciuta”. Parole che arrivano mentre il premier,Matteo Renzi, difende il governo dalle critiche delle Regioni: “Quando si dice che ci sono dei tagli” alla Sanità “mi sembra ingiusto e mi arrabbio. Non ci sono tagli, non diciamo bugie. I fondi ci sono e cerchiamo di gestirli. E’ questo il messaggio che daremo alle Regioni, non facciamo polemiche o demagogia”. Per Padoan, “è buon senso pensare che le Regioni lontane dall’efficienza convergano verso le buone pratiche”.

Continua…

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0
Articoli Correlati:
http://www.economiafinanza.eu/wp-content/uploads/2015/12/Stabilità-Padoan-Il-debito-inverte-rotta-cala-dopo-8-anni.jpghttp://www.economiafinanza.eu/wp-content/uploads/2015/12/Stabilità-Padoan-Il-debito-inverte-rotta-cala-dopo-8-anni-150x150.jpgAlealfa1EconomiaPoliticaPier Carlo Padoan
MILANO - Il debito italiano cala per la prima volta dopo otto anni e i mercati premiano il processo di riforma impostato dal governo, anche e soprattutto per il taglio della pressione fiscale. Dopo i rilievi dei tecnici del Senato e le osservazioni critiche delle maggiori istituzioni economiche italiane...