Press "Enter" to skip to content

Alessandro Benetton: esiste un’età giusta o un’età sbagliata per buttarsi in una nuova sfida?

Non è l’età che conta, ma avere il coraggio di uscire dalla propria confort-zone per imparare ad accettare con entusiasmo le sfide, professionali e non, che ci si parano davanti. Alessandro Benetton, imprenditore alla guida di 21 Invest, lo ha sperimentato durante la sua esperienza lavorativa e in particolare nel corso dei nove anni trascorsi come Presidente del team Benetton Formula: “A 25 anni ero troppo giovane per fare il presidente di un team di Formula 1, troppo giovane quando ho avviato 21 Invest e troppo vecchio ora per fare i video su Youtube”.

L’imprenditore ha avviato un canale Youtube per raccontare la sua esperienza, dialogare con gli utenti, dare consigli e riflettere su diverse tematiche di attualità. In un recente episodio della video-rubrica “#UnCafféConAlessandro, riportato anche nella sezione “I consigli di Alessandro Benetton” del Corriere della Sera, l’imprenditore racconta come nel 1989 il padre lo abbia posto davanti alla sfida di gestire Benetton Formula. Nella sua carriera come Presidente, durata 9 anni, Alessandro Benetton ha portato la squadra ad ottenere 26 Gran Premi, 2 titoli mondiali piloti e un titolo mondiale costruttori. Da questa esperienza ha imparato il valore della flessibilità intesa come capacità di gestire gli imprevisti per trasformarli in opportunità.

Iniziare qualcosa di nuovo rappresenta sempre una sfida. All’epoca i Benetton non avevano alcuna esperienza nel campo dell’automotive: “Per molti avevamo fatto il passo più lungo della gamba e non ce l’avremmo fatta. Eppure, abbiamo fatto grandi cose”. L’imprenditore ha aggiunto che “se si aspetta di essere pronti, preparati al 100%, il progetto potrebbe non partire mai. Bisogna fare i propri calcoli, buttarsi e partire”. Dallo sbaglio si impara comunque qualcosa.
Alessandro Benetton dà infine un ultimo consiglio, che ha imparato direttamente dalla figura di Michael Schumacher: bisogna sempre accettare le nuove sfide, per dimostrare quel che si vale. In fondo, ha ricordato l’imprenditore, “Mozart ha composto la sua prima sinfonia a 8 anni”. L’età non è così importante, agire invece è fondamentale.

Per visualizzare il video:
https://video.corriere.it/economia/consigli-alessandro-benetton/benetton-non-importa-quanti-anni-hai-ma-quello-che-fai/595e39f8-11d2-11ea-934f-a2282c2d0229?refresh_ce-cp

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Alessandro Benetton: esiste un’età giusta o un’età sbagliata per buttarsi in una nuova sfida?, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*