Press "Enter" to skip to content

Anna Tavano tra i 50 signori della finanza italiana secondo Financecommunity

Anna Tavano è tra le 50 personalità selezionate da Financecommunity.it per MAG: la manager, attualmente Head of Global Banking in HSBC, entra così a far parte dei top della finanza italiana che nell’ultimo anno si sono distinti per capacità di innovare, leadership, operatività, visibilità e intraprendenza, influenzando il mercato con una vision fortemente indirizzata ad interpretare i trend del momento. I 50 nomi scelti da Financecommunity sono riusciti a emergere grazie a una nomina, o per aver guidato con successo la propria realtà nella complessità del mercato. Questi professionisti sono stati in grado di guadagnarsi un buon consenso, rendendosi protagonisti nel loro settore attraverso operazioni particolarmente rilevanti. Le professionalità selezionate arrivano prima di tutto dal mondo del banking & finance, ma c’è spazio anche per il real estate. L’estrazione resta diversificata, dall’asset management alla consulenza strategica, l’importante è avere le carte in regola per affermarsi tra le figure più attive ed innovative del proprio settore. Ci sono giovani e meno giovani, uomini e donne: quest’anno le figure femminili sono aumentate e sono diventate 9, 5 in più rispetto all’edizione precedente. Tra queste, Anna Tavano si è distinta con i suoi oltre 20 anni di esperienza nel banking & finance a Londra e Milano. La manager, definita dalla classifica “La negoziatrice”, è in prima fila per quanto riguarda le tematiche legate alla promozione della diversity e della parità di genere nel settore, oltre ad aver negoziato alcune delle operazioni finanziarie più complesse, a partire dalle prime cartolarizzazioni variate dal Mef.

Per visualizzare la classifica:
https://financecommunity.it/50-signori-della-finanza-italiana/#1571732242927-566e5a7f-9e79

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Anna Tavano tra i 50 signori della finanza italiana secondo Financecommunity, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*