davide serra

La prospettiva di Davide Serra, Amministratore Delegato di Algebris Investments, sul tema della cultura dell’imprenditorialità in Italia. Un’intervista a margine del forum The European House – Ambrosetti, 41ma edizione (4 – 6 settembre 2015, Cernobbio),  “Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive”.

Giornalista: Secondo lei qual è il modo migliore per diffondere la cultura di imprenditorialità in Italia?

DS: Innanzitutto è fare impresa, fare azienda, anche piccola azienda, come è ad esempio Algebris che conta 25 persone a livello globale, sebbene gestisca complessivamente 2,6miliardi di dollari. Prima di tutto si tratta di un rischio: io stesso, ad esempio, ho investito in sette o otto aziende italiane non quotate, passando da start-up ad aziende più consolidate, laddove sono in grado di incontrare imprenditori che appartengano alla mia generazione e che abbiano le caratteristiche di lungimiranza sopracitate. Lo considero un buon investimento. Il punto è che in Italia il livello dell’utile sui ricavi è decisamente minore rispetto a quello riscontrabile in Europa e, ancora di più, negli Stati Uniti. Il motivo di tale divario è, a mio avviso, un’inefficienza del sistema data dal cuneo fiscale per i lavoratori – che oltretutto rappresenta un costo per l’azienda – oltre al cuneo fiscale per gli azionisti. Il fatto interessante è che, negli intenti del governo, si trova un chiaro obiettivo di crescita dell’occupazione, senza però che si riesca a porre le aziende nella condizione di competere, condizione strettamente funzionale all’assunzione. Lo scorso anno si è assistito al primo taglio del cuneo fiscale relativo ai lavoratori e vi è ora l’intenzione di abbassare le tasse che gravano sulle aziende, a condizione che si ottengano le coperture derivate da un taglio della spesa. Tale situazione consentirebbe un ritorno alla possibilità di fare impresa e di fare azienda in Italia e, di conseguenza, di investire e di creare occupazione, che è l’unico motore di mobilità sociale, in quanto solo con un lavoro tutti hanno una chance ed il Paese può così andare avanti.

Fonte:  AmbrosettiChannel

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
"Creare occupazione è l'unico motore di mobilità sociale: con un lavoro il Paese va avanti", 5.0 out of 5 based on 1 rating
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0
Articoli Correlati:
https://www.economiafinanza.eu/wp-content/uploads/2015/09/davide-serra.jpghttps://www.economiafinanza.eu/wp-content/uploads/2015/09/davide-serra-150x150.jpgEconomia FinanzaEconomiaLavoroAlgebris,Davide Serra
La prospettiva di Davide Serra, Amministratore Delegato di Algebris Investments, sul tema della cultura dell’imprenditorialità in Italia. Un’intervista a margine del forum The European House – Ambrosetti, 41ma edizione (4 – 6 settembre 2015, Cernobbio),  “Lo scenario di oggi e di domani per le strategie competitive”. Giornalista: Secondo lei qual...