Press "Enter" to skip to content

FME Education: gli investimenti del PNRR per la cultura

Oggi la cultura rappresenta un asset centrale della politica economica del nostro Paese: partendo da tale presupposto, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, presentato il 26 aprile 2021, destina risorse pari a 6,675 miliardi di euro all’intero settore. “La cultura guiderà la ripartenza del Paese”, ha commentato il Ministro della Cultura Dario Franceschini. “Il Recovery Plan – ha aggiunto – introduce risorse fondamentali che dimostrano come la cultura sia al centro delle scelte di questo governo”. Rendere il patrimonio storico-culturale fruibile per la prossima generazione con l’eliminazione delle barriere architettoniche, senso-percettive, culturali e cognitive nei musei, complessi monumentali, aree e parchi archeologici, archivi e biblioteche statali e offrire piattaforme e strategie digitali per proporre nuove modalità di approccio alla cultura, rientrano tra le misure stabilite dal PNRR per il settore culturale e turistico.
È quindi fondamentale cogliere l’enorme potenziale che la cultura ha nel contribuire al rilancio dell’economia e della società in generale: un principio verso cui anche la Casa Editrice FME Education è impegnata, fin dal 2013, attraverso progetti di promozione e valorizzazione. I valori dell’innovazione e della modernizzazione vanno di pari passo con l’ambito culturale e turistico: gli investimenti di sostegno e rilancio del settore ammontano nel complesso a 4,275 miliardi di euro e si articolano in diverse aree di intervento: “Patrimonio culturale per la prossima generazione”, “Rigenerazione di piccoli siti culturali, patrimonio culturale religioso e rurale” e “Industria culturale e creativa 4.0”. A questi si aggiungono, dal Fondo Complementare, gli investimenti per il Piano Strategico Grandi Attrattori Culturali pari a 1,460 miliardi di euro. L’obiettivo è finanziare 14 interventi strategici di tutela, valorizzazione e promozione della cultura.
Gli anni della pandemia hanno di fatto aperto le porte alla digital transformation che ha ormai fatto breccia anche nel settore culturale. I nuovi mezzi tecnologici legati al digitale sono infatti elementi indispensabili, e da sfruttare a tutto tondo, per promuovere l’attrattività del settore. Consapevole di ciò, FME Education ha saputo unire le potenzialità dell’innovazione tecnologica all’ambito editoriale.

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*