Luigi Ferraris, Catia Bastioli

In una recente intervista, rilasciata a Buone Notizie – Corriere della Sera, la Presidente di Terna SpA, Catia Bastioli, ha avuto modo di soffermarsi sul tema della sostenibilità, evidenziando che “non può esserci crescita senza sostenibilità“. Ci attendono nel futuro delle sfide “gigantesche”, che prevedono la ricerca di nuovi modelli di sviluppo in grado di conservare le risorse, migliorando la qualità di vita degli abitanti del nostro Pianeta. Secondo la manager occorre un salto culturale verso la sostenibilità economica e ambientale. Per farlo è necessario coinvolgere l’intera società, “a partire dalla valorizzazione del territorio“. Proprio l’Italia potrebbe avere un ruolo centrale in questa transizione, coniugando “tradizione e innovazione, sostenibilità ambientale e sociale“. Tuttavia, evidenzia Catia Bastioli, occorrerebbe un “cambio di mentalità non solo ambientale, ma anche sociale e culturale“, all’interno di una “strategia complessiva che indirizzi il Paese alla crescita sostenibile“. La Presidente di Terna ha inoltre evidenziato, a questo proposito, l’importanza delle strategie governative che “non sono sufficienti ma aiutano molto“, auspicando una strategia condivisa tra Europa e Italia. Il settore dell’energia, pur non essendo l’unico su cui ci si dovrebbe soffermare, rappresenta secondo Catia Bastioli la filiera in cui si è osservata negli ultimi anni più innovazione. Terna, in particolare, si distingue per gli importanti investimenti finalizzati all’integrazione delle energie rinnovabili nel sistema. A proposito di innovazione, il vertice di Terna mette in risalto la ricchezza del Paese in termini di startup in ambito green, iniziative quali Cariplo Factory finalizzate alla valorizzazione dei talenti e la presenza di numerosi giovani con ottime idee in svariati settori. “Quello che manca è un sistema complessivo per sostenerli nel loro percorso di crescita“. Nella transizione in atto, la top manager di Terna vede con favore la crescente partecipazione delle donne al mondo del lavoro, evidenziando come in Italia questa sia ancora piuttosto bassa. Nell’ambito della sostenibilità, infine, Catia Bastioli ritiene cruciale il tema dell’erosione del suolo, un problema molto trascurato in Italia come in Europa dove, fa notare, “non esiste nemmeno una direttiva in materia“.
L’intervista si chiude con una proposta: applicare anche in Italia il progetto “4 per 1000” della Cop21 di Parigi, che punta a far crescere del quattro per mille il contenuto di sostanza organica dei suoli.

Per maggiori informazioni:
https://www.agenzianova.com/a/5b28f4f4bb48f1.02045787/1967332/2018-06-19/speciale-energia-bastioli-terna-a-buone-notizie-corriere-della-sera-serve-una-svolta-sulla-sostenibilita

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/5 (0 votes cast)
Share on Facebook0Share on Google+0Tweet about this on Twitter0Share on LinkedIn0
Articoli Correlati:
https://www.economiafinanza.eu/wp-content/uploads/2018/06/Luigi-Ferraris-1-1024x682.pnghttps://www.economiafinanza.eu/wp-content/uploads/2018/06/Luigi-Ferraris-1-150x150.pngEconomia FinanzaEconomia VerdeCatia Bastioli,Terna
In una recente intervista, rilasciata a Buone Notizie - Corriere della Sera, la Presidente di Terna SpA, Catia Bastioli, ha avuto modo di soffermarsi sul tema della sostenibilità, evidenziando che 'non può esserci crescita senza sostenibilità'. Ci attendono nel futuro delle sfide 'gigantesche', che prevedono la ricerca di nuovi...