Press "Enter" to skip to content

Opec, sì ai tagli ma sale l’insofferenza sull’asse Mosca-Riad

L’Opec ha archiviato senza difficoltà la pratica dei tagli alla produzione di petrolio – che proseguiranno fino a marzo 2020, come da anticipazioni – ma il vertice dell’Organizzazione si è incagliato sul tema della collaborazione con la Russia, che solleva una crescente e ormai diffusa insofferenza.

L’Arabia Saudita in particolare è accusata di unilateralismo, a causa della relazione sempre più stretta con Mosca, con cui concorda le politiche produttive scavalcando le prerogative dell’Opec. L’asse, costruito nel 2016, si è rivelato utile per governare il mercato, ma si è rafforzato al punto che ora dà fastidio.

«L’Opec potrebbe morire», ha avvertito il ministro iraniano Bijan Zanganeh. E proprio il suo ostruzionismo sarebbe il motivo principale per cui le discussioni a Vienna si sono protratte molto più a lungo del previsto, in un braccio di ferro estenuante che alla chiusura dei mercati petroliferi non si era ancora interrotto.

Continua a leggere 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (1 vote cast)
Opec, sì ai tagli ma sale l’insofferenza sull’asse Mosca-Riad, 5.0 out of 5 based on 1 rating

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*